Dovranno essere presentati entro le 14.00 di oggi, martedì 28 gennaio, gli emendamenti alle norme in materia di regolamentazione del gioco d’azzardo.

Le disposizioni, contenute nel pdl Misure per lo sviluppo economico, l’attrattività degli investimenti e la semplificazione, prevedono l’introduzione del distanziometro per le attività di sala giochi e slot con effetto retroattivo.

Si tratta di modifiche alla legge regionale sul gioco d’azzardo del 2013 con l’introduzione di norme transitorie. Il testo, che potrebbe essere modificato in Aula, impone il rispetto della distanza minima di 500 metri anche alle sale e agli esercizi con slot già autorizzati alla data di entrata in vigore del provvedimento. Per gli esercizi commerciali con slot ci sono 18 mesi di tempo per adeguarsi alle disposizioni. Le sale da gioco, sale bingo, hanno tre anni di tempo, o cinque anni per le autorizzazioni decorrenti dal 1° gennaio 2014. Il termine per la rimozione degli apparecchi sotto distanziometro può, infine, essere prorogato dai Comuni fino a cinque anni, se sono collocati “all’interno dell’unico esercizio di vendita al dettaglio di prodotti alimentari o dell’unico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande esistente nel territorio comunale.”