“Si modifica la legge regionale n.5 del 2013 relativa alla prevenzione e il trattamento del gioco d’azzardo patologico (GAP). Sostituendo il termine “distanza” con “raggio” si va a garantire una lontananza maggiore degli esercizi con slot machine rispetto ai luoghi sensibili. I divieti sono estesi anche alle sale e agli esercizi già attivi prevedendo un tempo congruo di adeguamento. Si amplia l’autonomia dei singoli Comuni nell’individuare ulteriori limitazioni”. Così il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini dopo l’approvazione del ‘Collegato’.

“Ringrazio i gruppi politici che in queste settimane hanno discusso e arricchito un testo di legge che dà forza al sistema delle imprese del Lazio. È stato portato a termine un lavoro molto importante, con interventi mirati sulla tutela dell’ambiente, sul contrasto e la regolamentazione del gioco d’azzardo nel Lazio. Il Consiglio regionale ancora una volta si pone al centro della crescita del Lazio” ha concluso.