La città de L’Aquila ha un nuovo piano del Commercio, che sostituisce quello precedente che risaliva al 2002.

Una maggioranza compatta ha votato e approvato il nuovo Piano del Commercio riunita in piattaforma digitale dopo la positività al Covid 19 di 2 consiglieri. È stato portato in aula dal vice sindaco Raffaele Daniele e assessore con delega al Commercio che oggi sempre via telematica, ne ha illustrato i punti salienti.

“Abbiamo fatto scelte importanti, vietando sale slot e scommesse in centro e tutte le attività legate alla ristorazione come rosticcerie e friggitorie che fossero sprovviste di cappa aspirante e di filtraggio perchè altrimenti, dopo aver investito per avere un bel centro storico, avremmo vanificato tanta bellezza. Abbiamo scelto di escludere dal comparto del centro alcune attività che dal punto di vista etico e funzionale non sarebbero potute entrare se non adeguatamente munite”.