«Ho atteso con ansia il suo intervento a presa diretta di ieri sera, non che mi aspettassi nulla di positivo per il comparto, ma un pizzico di coerenza nei confronti del nostro settore.
Vede SOTTOSEGRETARIO – scrive GianMaria Chiodo, presidente C.N.I, – la lingua italiana è un idioma meraviglioso basta cambiare una virgola, un accento o semplicemente dimenticare come lei ha fatto ieri sera, di menzionare una parte della frase e un discorso cambia radicalmente senso, cambia radicalmente anche il risultato che si dà all’opinione pubblica che per una mera non conoscenza del settore ascolta quanto di modificato, lei abbia espresso ieri sera.
SOTTOSEGRETARIO,
lei ha fatto un ottimo preambolo, dove dice che le VLT sono macchine pericolose, dimenticando che codesta pericolosità l’avete creata voi del Governo che per finanziare reddito di cittadinanza e quota 100 avete abbassato le vincite dei giocatori in questi anni dal 92% originale all’attuale 86% che in maniera graduale arriverà all’84% entro gennaio 2020, quindi caro SOTTOSEGRETARIO codesta pericolosità è stata creata dal suo e dai precedenti governi prima di lei.
Un altro dato che risulta modificato o non menzionato, secondo le sue parole che cito testualmente è questo:

“Un settore che incassa 107 miliardi di cui 10 vanno al Governo. “Eliminare un incasso di 10 miliardi in un anno ovviamente è impensabile – riprende Villarosa – ma farlo in maniera graduale secondo me è possibile” in questo caso sembra che il comparto incassi 107 miliardi e ne corrisponda allo Stato solamente 10, la dica tutta SOTTOSEGRETARIO codeste macchine come dice lei, incamerano 107 miliardi ma (non menzionato da lei) restituiscono in vincita ai giocatori un 86% pari a circa 92 miliardi quindi 107-92 restano circa 15 miliardi senza considerare la tassa sulla fortuna che da vincite dai 500 € in poi, i giocatori se le vedono decurtate del 12% quindi un altro miliardo e 200 milioni.

Quindi per essere chiari lo Stato prende beatamente 11 miliardi e 200 milioni mentre alla filiera del gioco restano meno di 5 miliardi ove, tutto il comparto deve acquistare le macchine, produrre fidejussioni, pagare affitti vari, i dipendenti, utenze commerciali (luce gas riscaldamento) tasse sulla produttività ecc. ecc.

Per concludere caro SOTTOSEGRETARIO VILLAROSA le chiedo con il cuore di smettere di dare informazioni frammentarie o di propaganda politica, i cittadini non lo meritano, in quanto il falso perbenismo che perpetrate ad ogni vostro intervento pubblico demonizza il nostro settore facendovi apparire come degli eroi in patria.

Mi permetta SOTTOSEGRETARIO ma con 11miliardi e 200 milioni di € senza partecipare alle spese di gestione l’eroe son capace di farlo anch’io!».