Le corse ippiche – a porte chiuse – riprenderanno dal 25 maggio. La decisione è stata assunta giovedì dal Ministero della Salute di concerto con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Gli ippodromi dovranno rispettare il protocollo elaborato di concerto con il Comitato Tecnico Scientifico. Lo annuncia Giuseppe L’Abbate (nella foto), sottosegretario alle politiche Agricole.

Advertisement

Soddisfazione da parte dei ministri Bellanova e Speranza. “Bene la ripresa delle corse ippiche rigorosamente al chiuso ed in sicurezza che riprenderanno dal 25 maggio, una decisione assunta insieme al Ministero della Salute. Naturalmente, questa ripresa è condizionata al rispetto delle Linee Guida per la ripresa delle attività ippiche coerenti con le indicazioni del Comitato tecnico scientifico affinchè sia garantito il massimo livello di sicurezza a tutte le attività oggetto di riapertura. Una buona notizia per un settore che stava vivendo grosse difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria, con conseguente sospensione delle attività”, sottolinea la Ministra Bellanova.

Nella giornata di ieri si erano tenute varie manifestazioni di protesta in tutta Italia, sul tema era intervenuto – tra gli altri – anche il deputato di Forza Italia, Mauro D’Attis: “Nel Decreto rilancio manca qualsiasi riferimento al settore dell’ippica come se improvvisamente fosse diventato invisibile agli occhi del governo. E’ incredibile, perché nonostante il lockdown le attività di accudimento e allenamento dei cavalli sono proseguite. Vorrei ricordare che parlare di ippica, e cioè di trotto e di galoppo, significa parlare di una filiera che occupa migliaia di famiglie e quindi chiedo: a quando la riapertura?”.