La Regione Lombardia avrà norma aggiornata sugli Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto della criminalità organizzata e per la promozione della cultura della legalità.

Il Consiglio Regionale ha approvato ieri una legge che incentiva percorsi di legalità anche nella gestione del gioco, con interventi per il contrasto alle infiltrazioni della criminalità nel gioco, come ha spiegato nella relazione sl provvedimento la presidente della commissione Antimafia, Monica Forte. Il gioco quindi come fenomeno tra quelli attenzionati e oggetto di interventi specifici.

Quali saranno gli interventi previsti sarà il tempo a dirlo, crediamo però che l’attività di controllo sarà una di queste.

Controlli che nell’ultimo tempo sono venuti sempre meno anche per una serie di difficoltà legate proprio alla applicazione della norma, del 2013, in materia di contrasto al gioco d’azzardo patologico.

I Comuni della Lombardia lamentano infatti, tra le altre cose, una insufficiente formazione della Polizia Locale, deputata ai controlli dell’offerta di gioco, oltre ad una ormai atavica carenza di personale.

Così nell’ultimo anno l’attività è venuta sempre meno, esattamente come la ‘reazione’ pronta ed attenta alla richiesta di informazioni della Regione stessa.

Meritevole di interesse è anche la scelta, dei comuni che nell’ultimo anno hanno effettuato controlli e contestato sanzioni agli esercizi pubblici per la violazione delle norme regionali, di non destinare le somme introitate al contrasto del gioco d’azzardo patologico e nemmno di dare spiegazioni sull’utilizzo di questo denaro.

CONTROLLI EFFETTUATI NELLE PROVINCE DELLA LOMBARDIA NEL 2021

Articolo precedenteManovra, Confcommercio: “Giochi, proroga concessioni sia estesa anche alle sale bingo e alla rete di controllo degli apparecchi da intrattenimento”
Articolo successivoPorto Torres (SS), Spanu (Psd’Az): “Basta nuove autorizzazioni ad attività con giochi d’azzardo”