ippica
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Di seguito la lettera inviata questa mattina al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali; al Dipartimento delle Politiche Competitive, della Qualità Agroalimentare, Ippiche e della Pesca e alla Direzione Generale per la Promozione della Qualità Agroalimentare e dell’Ippica.

“Le associazioni delle società di corse Ani, Coordinamento Ippodromi, Federippodromi e Uni, le organizzazioni sindacali nazionali SLC-CGIL, FISASCATCISL e UILCOM-UIL, e gli ippodromi di Milano, Montecatini, Grosseto, San Giovanni Teatino e Modena, in data 2 marzo, hanno chiesto un incontro urgentissimo finalizzato ad affrontare e trovare soluzioni alle seguenti tematiche che sono essenziali per sopravvivenza e salvaguardia dell’intera filiera ippica.

Incremento delle risorse destinate alle società di corse per l’anno 2017. Definizione di un rapporto tra il Mipaaf e le Società di corse che consenta i pagamenti delle spettanze in tempi ragionevoli. Istituzione di un tavolo di crisi, indispensabile vista la grave situazione in cui versa il settore, che coinvolga tutti i soggetti interessati compresi gli Enti Locali. Avvio di un tavolo per l’ormai improcrastinabile riforma di tutto il settore.

Poiché, a tutt’oggi, nessuna convocazione è pervenuta, considerato che il perdurare dell’attuale situazione di stallo, provoca conseguenze insostenibili per le parti interessate (anche considerando il fatto che le società di corse sono prive di un contratto sottoscritto), si sollecita con urgenza la richiesta di incontro. Pertanto in mancanza di pronto riscontro le parti valuteranno ogni conseguente iniziativa”.

Commenta su Facebook