Anche l’ippica a piccoli passi si avvia alla normalità. C’è il via libera del Mipaaf in accordo con il Ministero della Salute. Dal 15 maggio alle corse potrà assistere un pubblico pari al 25 per cento della capienza ma con un massimo di mille spettatori.

Si legge nella circolare del Mipaaf: «La presenza di un Protocollo operativo già adottato e coerente con le vigenti disposizioni atte al contenimento della diffusione dell’epidemia e il carattere tipicamente “aperto” degli spettacoli delle corse ippiche consentono di disporre la riapertura al pubblico degli impianti finalizzati ad organizzare le corse ippiche dal 15 maggio 2021». Sono comunque previste una serie di condizioni, innanzitutto «il numero di spettatori non può essere superiore al 25% della capienza massima dell’impianto, e il numero massimo non può essere superiore a mille». Le società di corse dovranno inoltre adeguare il Protocollo operativo alle linee guida aggiornate. La riapertura sarà possibile negli impianti «gestiti dalle società di corse riconosciute dal Ministero, e localizzati nelle aree, Comuni o Regioni classificate come “zona gialla”». Le corse ippiche dovranno essere inserite nel calendario assegnato dal Ministero; infine, «i posti a sedere devono essere pre-assegnati assicurando il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro» sia per gli spettatori che per il personale. Il Mipaaf ha anche confermato «la possibilità di procedere all’allenamento, alla cura e alla gestione dei cavalli sportivi e ippici all’interno di impianti e strutture utilizzati a porte aperte», purché vengano rispettate le misure di sicurezza.