Un terzo dei 150.000 addetti nel settore delle slot, giochi legali e scommesse rschia il posto di lavoro per effetto del prolungato lockdown imposto su queste attività per l’emergenza COVID.

E’ quanto si legge oggi sul quotidiano economico che dedica una approfondita analisi alla situazione del comparto.