Dalle misure di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali ci aspettiamo maggiori entrate per 3 miliardi di euro. E’ quanto ha dichiarato il ministro delle Finanze Roberto Gualtieri, in audizione presso Commissione Finanze nell’ambito dell’esame del dl recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili. l’evasione fiscale, ha detto, è stata stimata in 110 miliardi di euro, nel periodo compreso tra il  2014- 2016. Contrastare l’evasione fiscale garantisce un migliore funzionamento dei mercati e contrasto alla concorrenza sleale.

Norme per combattere le infiltrazioni della criminalità organizzata e razionalizzare l’offerta di gioco, sono previste tra le misure dedicate ai giochi.

Tra le misure previste nel provvedimento in questione, all’articolo 24 proroga al 30 giugno 2020 e al 30 settembre 2020 i termini per indire le gare relative, rispettivamente, all’attribuzione delle concessionidi raccolta delle scommesse e del Bingo. In entrambi i casi vengono prorogate, a titolo oneroso, le concessioni in essere, prevedendo un aumento delle somme da versare annualmente in caso di proroga delle concessioni di raccolta delle scommesse. Le disposizioni in esame sono conseguenti alla sospensione, da parte del Consiglio di Stato, del parere obbligatorio da rendere sugli atti di gara. Il Consiglio di Stato ha infatti reso due pareri interlocutori (n. 257 e 258 del 2019) con i quali ha sospeso la pronuncia dei pareri sugli atti di gara relativi alle scommesse e al Bingo, nelle more degli adempimenti dell’amministrazione richiedente. Ciò premesso, il comma 1 dell’articolo 24 modifica la legge n. 205 del 2017 (legge di bilancio 2018), che prevede l’attribuzione (articolo 1, comma 1048) con gara, da parte dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, delle concessioni di raccolta delle scommesse su eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi, ivi compresi gli eventi simulati, per un introito previsto almeno pari a 410 milioni di euro. Con la modifica in esame, il termine per indire tale gara viene prorogato dal 30 settembre 2018 al 30 giugno 2020. Sono previsti anche l’aumento del Prelievo erariale sulle awp e vlt e la registazione all’elenco degli operatori per tutti i soggetti che operano nel mercato.