I titolari degli esercizi commerciali per accedere ai quali è richiesto il green pass base non devono effettuare necessariamente i controlli all’ingresso. Per le discoteche altri dieci giorni di stop

Da oggi è richiesto il green pass base per entrare negli esercizi commerciali diversi da quelli che soddisfano le esigenze alimentari, mediche e di prima necessità ai sensi del dpcm 24 gennaio 2022. Come chiarito da una faq del Governo i titolari delle attività per le quali vige questa nuova misura non sono comunque obbligati a effettuare necessariamente i controlli all’accesso, ma possono svolgerli a campione successivamente all’ingresso della clientela nei locali.

Nella prima riunione dopo la rielezione di Sergio Mattarella alla Presidenza della Repubblica il Consiglio dei ministri ha intanto varato una mini proroga di dieci giorni per alcune delle misure anti-Covid. Fino al 10 febbraio prossimo:

  • le discoteche rimarranno chiuse;
  • saranno vietati i concerti e le feste all’aperto;
  • sarà ancora obbligatorio utilizzare le mascherine all’aperto in zona bianca.

Come riporta Confcommercio la proroga delle misure è contenuta in un’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, che sarà seguita da un decreto legge previsto per mercoledì prossimo che dovrebbe contenere le misure per la scuola e tutti gli altri interventi di cui si è parlato in queste settimane, dalla distinzione tra i ricoverati ‘per’ Covid e ‘con’ Covid al sistema dei colori fino alla durata del pass. Il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, intanto ha anticipato: “credo che il 31 marzo lo stato d’emergenza non sarà prorogato e per la fine del mese avremo abbandonato tante di quelle restrizioni che oggi abbiamo”.