commissione europea
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “La Commissione è a conoscenza delle disposizioni di legge adottate dal parlamento greco il 15 gennaio 2018. La concessione del credito al consumo da parte degli istituti di gioco è in ogni caso conforme agli obblighi previsti dalla direttiva 2008/48/CE relativa al contratto di credito per i consumatori nonché alle altre normative applicabili in materia di protezione dei consumatori, come la direttiva 93/13/CEE sulle clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori”.

E’ quanto ha risposto il Commissario europeo per gli Affari economici e finanziari, fiscalità e dogane, Pierre Moscovici all’interrogazione dell’europarlamentare Manolis Kefalogiannis (PPE, Gruppo del Partito popolare europeo-Democratici cristiani) riguardante il rischio di riciclaggio di denaro negli stabilimenti di gioco in Grecia.

“Per quanto riguarda i rischi relativi al riciclaggio di denaro – ha aggiuto – va notato che i casinò sono entità obbligate coperte dalla quarta direttiva antiriciclaggio e come tali soggette alle sue norme che mirano a prevenire e individuare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Tali obblighi comprendono il dovere di verificare l’identità del cliente, applicare il requisito della dovuta diligenza della clientela e segnalare ogni transazione sospetta all’unità nazionale di informazione finanziaria. Tuttavia, la Commissione è coinvolta solo in quelle disposizioni di legge derivanti dai requisiti del memorandum d’intesa (MoU) e il caso menzionato dall’onorevole parlamentare non fa parte delle condizionalità allegate al presente Supplementary MoU” ha concluso Moscovici.

Commenta su Facebook