slot azzardo gioco
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Grado (GO) contro il gioco d’azzardo. In linea con la legge regionale 14 febbraio 2014, n.1, ‘ Disposizioni per la prevenzione, il trattamento e il contrasto della dipendenza da gioco d’azzardo, nonché delle problematiche e patologie correlate’, l’amministrazione comunale ha individuato sul territorio 59 luoghi sensibili che rientrano nelle 11 categorie indicate dalla legge regionale.
Questa vieta l’installazione di apparecchi per il gioco lecito e l’attività di raccolta di scommesse entro la distanza di cinquecento metri dai luoghi sensibili, distanza misurata partendo dal centro in basso della porta di ingresso al locale interessato e seguendo il percorso pedonale più breve, nel rispetto del codice della strada, fino al centro in basso della porta di ingresso del luogo sensibile individuato.

Sono considerati ‘luoghi sensibili’ gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, i centri preposti alla formazione professionale, i luoghi di culto, gli impianti sportivi, le strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, le strutture ricettive per categorie protette, i luoghi di aggregazione giovanile, compresi ludoteche, ricreatori, oratori e biblioteche, i luoghi di aggregazione per anziani definiti con apposito atto da parte di ogni Comune, gli istituti di credito e gli sportelli bancomat, gli esercizi di compravendita di oggetti preziosi e oro usati e le stazioni ferroviarie.

Una cittadina di poco più di 8.000 abitanti con 59 luoghi sensibili

Promotore dell’iniziativa l’assessore alle politiche sociali Claudio Gaddi, che sottolinea: “E’ nostra intenzione ridurre il grosso impatto che questo disturbo, che è una vera e propria patologia, sta avendo sulla nostra cittadinanza. Faremo di tutto per ridurre le slot machine nel nostro paese, anche attraverso azioni di contrasto o forme di premialità per chi decidesse di rinunciare alle slot nel proprio locale”.

Sono equiparati all’installazione di apparecchi per il gioco lecito il rinnovo del contratto stipulato tra esercente e concessionario per l’utilizzo degli apparecchi, la stipulazione di un nuovo contratto anche con differente concessionario, nel caso di rescissione o risoluzione del contratto in essere e l’installazione dell’apparecchio in altro locale in caso di trasferimento della sede dell’attività. L’elenco completo dei luoghi sensibili, ai soli fini di pubblicità, sarà visibile sul sito del Comune di Grado.

Commenta su Facebook