slot

(Jamma) – Giovinazzo (BA) contro il gioco d’azzardo. Dal primo luglio le sale scommesse autorizzate, gli esercizi commerciali di qualsiasi tipo, le rivendite di tabacchi, le sale pubbliche per biliardi e altri giochi leciti autorizzate all’installazione di apparecchi da gioco, quali slot machine e videolottery, ricadenti sul territorio dovranno infatti vietarne l’utilizzo dalle ore 9.00 alle ore 12.00 di tutti i giorni, compresi i festivi.

La decisione è stata presa dal sindaco di Giovinazzo, Tommaso Depalma. Durante le ore di divieto, gli apparecchi da gioco dovranno essere spenti e inaccessibili. I possessori degli apparecchi devono esporre cartelli con gli orari di funzionamento delle apparecchiature. La violazione delle disposizioni previste dall’ordinanza comporta la sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro. In caso di particolare gravità o recidiva, si applicherà la sospensione del funzionamento degli apparecchi, da un giorno a una settimana. Spetterà al Comando di Polizia Locale e alle Forze di Polizia territorialmente competenti la verifica del rispetto dell’ordinanza nonché la contestazione di eventuali infrazioni.

“Con questa ordinanza cerchiamo di dare un segnale a tutto il territorio – dichiara il sindaco Depalma -. Stiamo attenzionando il fenomeno del gioco d’azzardo patologico e cerchiamo di utilizzare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per arginare questa piaga sociale. Ciò detto, nell’interesse di tutti, sarebbe opportuno che il Parlamento legiferasse nel dettaglio perché con l’ordinanza sicuramente non si arresta del tutto il fenomeno, senza considerare l’avanzata del gioco on line che al momento sfugge a qualsiasi controllo”.

“Siamo impegnati da tempo anche sul versante educativo cercando di tenere alta la guardia sul tema in questione e sensibilizzando adeguatamente i nostri studenti – dichiara Michele Sollecito, assessore alle Politiche Sociali -. Continueremo a monitorare il fenomeno aggiornandoci su tutte le iniziative utili a contrastare e debellare al ludopatia”.

Commenta su Facebook