Nel contesto del nuovo evento “Gioco pubblico. Un alleato contro l’illegalità – Edizione 2021” organizzato da Formiche è intervenuto Pier Paolo Baretta.

“La battaglia per la tutela della legalità e la salute degli italiani – ha affermato Baretta – non è disgiunta dal tema del riordino del settore. Su questo c’è il punto sottolineato dal sottosegretario Durigon che condivido: il gioco deve divenire una normale attività, va recuperato l’aspetto reputazionale, c’è stata una evoluzione dei concessionari che si parlano molto di più tra loro, il clima è cambiato.

Durigon ha parlato di legge delega, Minenna ha parlato di testo unico. Sono tutte e due soluzioni valide e necessarie ma occorre fissare i tempi altrimenti, senza una scelta temporale precisa, appare solo un modo per rimandare.

Si può ridurre ulteriormente l’offerta, organizzare il territorio ma si stabiliscano i tempi e le condizioni per i nuovi bandi e la gare con le nuove regole”.

 

Articolo precedenteGiochi. Bruno Bossio (PD): “Supportare il gioco legale per indebolire l’offerta illegale. COVID ha rallentato iter verso un riordino del settore”
Articolo successivoGiochi. Novelli (FI): “Qualcuno ci dica di quanto si è ridotto il numero dei ludopatici durante il lockdown”