Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Aldo Patriciello, eurodeputato del Ppe, ha presentato una interrogazione con la quale chiede alla Commissione Europea se non ritiene opportuno adottare eventualmente un testo che detti delle misure applicabili dagli Stati membri per la salvaguardia del minore dal gioco d’azzardo, tenendo conto della continua evoluzione tecnologica che sta caratterizzando il mercato europeo.

Il parlamentare fa riferimento ai dati elaborati dall’Osservatorio di Nomisma “Young Millennials Monitor-Giovani e Gioco d’azzardo” attraverso i quali si è potuto constatare lo stile di vita di oltre 11 000 studenti, tra i 14 e i 19 anni, rapportato al gioco d’azzardo.

Da tale analisi si è potuto individuare che ben il 49% dei giovani ha tentato la fortuna, ma di questi solo il 18% per divertimento.

“Fortunatamente solo il 17% dei giovani vede nel gioco d’azzardo un passatempo ricorrente, mentre per il 20% si sostanzia in un gioco più che raro” aggiunge Patriciello.

“Strettamente correlato con il gioco d’azzardo è il consumo di sigarette (57%) e di alcol (60%), per cui coloro che hanno problemi con il gioco d’azzardo, di riflesso li hanno anche nella loro quotidianità e nelle relazioni personali” conclude. Francesco Berni

Commenta su Facebook