Il regolatore francese del gioco d’azzardo, Autorité nationale des jeux (ANJ), ha annunciato che faciliterà il processo attraverso il quale i giocatori problematici possono essere esclusi dal gioco d’azzardo.

La procedura, ad oggi,  richiede una richiesta al Ministero dell’Interno. Dopo che la richiesta  è stata inviata, la polizia locale lo contatta per verificare la sua identità.

In futuro il  giocatore dovrebbe invece essere in grado di registrarsi direttamente sul sito web dell’ANJIn questo modo, la verifica dell’identità può essere effettuata da remoto. Lo scopo della nuova procedura è abolire il passoaggio presso la Oolizia, secondo il presidente dell’ANJ, Isabelle Falque-Pierrotin. “Offriremo un vero servizio invece di renderlo una sorta di autodenuncia. Ci sono giocatori che avevano paura di andare alla polizia perché temevano le possibili conseguenze”, ha detto.

Secondo l’ANJ i tempi della procedure, che attualmente potrebbe richiedere diversi mesi, dovrebbero essere ridotti di almeno la metà.

L’autoesclusione si applica all’accesso a tutti i casinò e club che offrono giochi d’azzardo, nonché a tutti i siti di gioco d’azzardo online legali. Tuttavia, è a discrezione del giocatore se vuole essere escluso per un fornitore specifico o in generale.

Sono escluse dal registro le scommesse sportive e ippiche piazzate direttamente in pista o negli uffici scommesse terrestri, nonché la partecipazione alla lotteria.

Secondo un rapporto dell’osservatorio francese sul gioco d’azzardo di giugno, la percentuale di giocatori problematici in Francia è raddoppiata lo scorso anno a circa 340.000. Resta ora da vedere se il nuovo processo di autoesclusione può aiutare a invertire questa tendenza.