L’interesse della malavita per il settore del gioco d’azzardo non è certo una novità portata dalla pandemia. Fino agli inizi del 2000 questa attività era quasi un’esclusiva del mondo illegale e quindi priva di controllo. Per fare la fotografia della…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedente“In nome della legalità”. Faggiani (Anci): “Giochi, attività imprenditoriali rischiano di essere fagocitate dall’illegalità. Urge riordino del settore”
Articolo successivo“In nome della legalità”. Baretta (ex sottosegretario Mef): “Riorganizzazione settore giochi entro il 2022. Il comparto deve ripensare anche la sua rappresentanza”