laffranco
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Il Governo, come conferma l’elusività e la strumentalità della risposta, che rinvia a valutazioni datate della Ragioneria Generale dello Stato e a future decisioni delle regioni e degli enti locali, consegnata oggi al Question time in Commissione Finanze, ribadisce la propria totale incapacità di esprimere politiche serie relative al gioco pubblico legale.

L’intesa siglata dal Sottosegretario Baretta con regioni ed enti locali per il riordino del gioco pubblico produrrà una diminuzione del gettito fiscale. Oggi il Governo prova a nascondere la verità, rinvia le valutazioni, scaricando sul futuro esecutivo la grana di quantificare e soprattutto coprire il disavanzo che si determinerà nell’ordine dei 2,5-3 Mld. Una delega parlamentare non esercitata, consistente buco in bilancio da coprire, rischio serio di dare ossigeno al gioco illegale e alla criminalità organizzata, probabile chiusura di migliaia di bar e tabacchi che si sostengono coi pochi proventi da awp, migliaia di posti di lavoro in discussione per centinaia di aziende del gioco legale e ancora nessun segnale per la trasparenza della rendicontazione dei 100 milioni stanziati per combattere la ludopatia nonostante una sentenza importante: questa l’eredità di questo disgraziato Governo in materia di gioco pubblico, congratulazioni”.

Lo ha dichiarato Pietro Laffranco, deputato di Forza Italia, nella replica alla risposta del Governo in Commissione Finanze al Question time dello stesso parlamentare.

Commenta su Facebook