“Noi avevamo avvisato: la legge della Lega sul gioco d’azzardo è inopportuna, a maggior ragione in un momento come questo. Infatti non tarda ad arrivare la prima bacchettata”, commenta il consigliere regionale del Piemonte, Giorgio Bertola (M4O) a proposito della indicazioni del Ministero della Salute a proposito della riapertura delle sale gioco.

“Il ministero della Salute allerta la regioni sul pericolo di impennata dei casi di ludopatia. In particolare si riferisce alla nostra regione, in cui a causa del comportamento scellerato della Lega, la liberalizzazione senza nessuna restrizione delle macchinette da gioco, si andrà a sommare ai rischi portati dalla pandemia. Insomma sono tantissimi i timori dello Stato di un’impennata delle ludopatie in un momento di forte disagio, per questo società civile e opposizioni hanno chiesto più volte alla Lega di fermarsi e a Cirio di intervenire, ma nessuno ha voluto sentir ragioni.  Sulle loro coscienze potrebbe pesare ‘un’epidemia’ di dipendenza patologica dal gioco, se non verrà adottata nessuna misura di tutela”, conclude.