“Il settore del commercio è in ginocchio e le nuove restrizioni in arrivo con l’ennesimo Dpcm rischiano di dare il colpo di grazia a migliaia di imprese e a centinaia di migliaia di lavoratori”.

Advertisement

Lo afferma Mariastella Gelmini (nella foto), capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “I numeri forniti dal presidente di Confcommercio Sangalli fanno gelare il sangue. Da inizio lockdown sono andati persi 24 miliardi di euro di fatturato. Con le nuove misure del governo si perderanno altri 470 milioni al mese. Rischiano di chiudere 50mila aziende. Da luglio a settembre il comparto del turismo – il più colpito da questa crisi – ha lasciato per strada 14 miliardi. Adesso, contestualmente alle nuove decisioni per contenere la diffusione del virus, andranno indicate – subito, e non prossimamente – gli interventi per il ristoro di coloro che saranno maggiormente danneggiati da questa ulteriore stretta. Ristoranti, bar, pub, sale da ballo, sale giochi, sale per ricevimenti, organizzazioni congressuali e, se fermate, anche palestre e piscine: tutte le attività che rischiano di pagare il prezzo di una nuova stretta hanno bisogno di aiuti subito e non di promesse. I risarcimenti stavolta dovranno essere immediati, mentre per i lavoratori dipendenti di queste attività servono ammortizzatori sociali tempestivi“, conclude.