Occorre giungere al riordino del settore e farlo presto. Pertanto, continuerò a condurre questa battaglia per la legalità, per la sicurezza dei consumatori e degli utenti e per i lavoratori del settore. Questo l’impegno espresso dal deputato di Forza Italia Mauro D’Attis per la prossima legislatura.

“Mi batto da sempre per sostenere l’impresa del gioco pubblico legale per ragioni che affondano le radici nei numeri, eloquenti e impossibili da confutare: ogni volta, infatti, che le sale legali, gli esercenti di bar e dei locali generalisti registrano un decremento di fatturato, ecco schizzare alle stelle i dati sul gioco illegale e la ludopatia. Il periodo del Covid ha cristallizzato, in base ai numeri delle forze dell’ordine, esattamente questa proporzione”, scrive in una nota.
“La filiera diretta si compone di 8.271 imprese, con circa 40mila addetti e un fatturato annuale di 14 miliardi di euro. Nonostante questo persino il sistema bancario ha favorito, indirettamente, la illegalità impedendo la tenuta dei conti correnti da parte delle aziende del gioco pubblico legale”, conclude.

Articolo precedenteIppodromo Cesena Trotto, sabato il Premio Carlo Mantellini
Articolo successivoADM presenta il documentario “Metamorfosi: un canto del mare” alla 79a Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia