“Far partecipare Comuni e Regioni alla divisione delle entrate fiscali provenienti dal gioco, così come propone il Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Marcello Minnenna, è un’idea totalmente malsana. Se l’obiettivo è ridurre gli spazi e i luoghi presenti nei comuni nei quali è possibile giocare, con questa proposta si produrrebbe l’effetto esattamente contrario, incentivando i Comuni a creare nuovi spazi consapevoli che ciò significherebbe aumentare le entrate per le proprie casse. Un’idea assurda che credo troverà la contrarietà degli stessi sindaci”, lo scrive in una nota il senatore del Partito Democratico, Eugenio Comincini (nella foto).