cirio
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Da parlamentare europeo questo è un caso singolare. Non dobbiamo dimenticare che in Europa ci sono delle norme che devono valere per tutti, sia quando ci penalizzano che quando ci tutelano, il paradosso di fondo di questa legge è che è ipocrita, viola la libertà delle persone, che è sacrosanta”.

E’ quanto dichiarato dall’Eurodeputato Alberto Cirio (FI), intervenendo al convegno “Liberi di scegliere: Basta proibizionismo” tenutosi a Torino nella sede di “Torino Incontra” su iniziativa dell’Istituto Friedman, della Federazione Italiana Tabaccai e del Sindacato Totoricevitori Sportivi.

“Io dei miei soldi ne faccio quello che voglio, se qualcuno si ammala lo Stato deve attivarsi per curarlo ed evitare che questo avvenga in futuro ma non si può limitare la mia libertà. Questa è una legge folle, dannosa. Dobbiamo dire che è sbagliata e vedere cosa fare da domani. Se avessimo detto siamo contrari al gioco e lo vogliamo vietare sarebbe stato meglio, almeno avremmo avuto il coraggio di dirlo. La legge del Piemonte è un modo ipocrita di regolamentare quello che si vuole proibire. Qui siamo al confine con la Svizzera e altre regioni dove si può giocare, siamo degli ipocriti. Cosa possiamo fare? Prendiamoci l’impegno di bloccare l’attuazione di questa legge a un anno dalla sua entrata in vigore, quindi a novembre, per valutarne gli effetti e se non ci sono stati risultati la legge va sospesa, come ha fatto Toti in Liguria dimostrando che si può fare. Il Governo deve regolamentare a livello nazionale, le regole devono essere uguali per tutti. C’è impegno assoluto da parte nostra” ha concluso Cirio.

Commenta su Facebook