“Con la pandemia sono state chiuse tutte le attività di gioco legali” nonostante avrebbero avuto modo di “garantire ai clienti misure di sicurezza, distanze e standard conformi alla legge”. Va spiegato come “sia possibile il verificarsi di un simile paradosso: proprietari di sale e operatori hanno investito milioni di euro per la messa a norma e per l’installazione dei dispositivi di sicurezza, con il pagamento delle tasse finanziano i conti pubblici, ma non è consentito loro lavorare. Il gioco, però, continua nell’illegalità, con tutte le nefaste conseguenze che ciò comporta”. E’ quanto ha detto il deputato di Forza Italia, Dario Bond (nella foto).

Articolo precedenteIl settore dei giochi legali non è una vetrina per la politica
Articolo successivoToti (Liguria) su riaperture: ‘’Obiettivo è partire prima settimana di maggio’’