friuli
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – «La legge regionale emanata nel 2014 prevedeva interventi orientati alla prevenzione, al trattamento, al contrasto e alla promozione della consapevolezza dei rischi correlati alla dipendenza da gioco d’azzardo. Legge che inizialmente non stanziava risorse – afferma il consigliere regionale in Friuli Venezia Giulia, Andrea Ussai (M5S) – e che è stata del tutto inefficace perché non applicata.

La legge regionale 26/2017, promulgata su impulso del Movimento 5 stelle, ha introdotto importanti novità per rendere più stringente la normativa. Tra le più importanti, sono stati aggiunti luoghi sensibili quali ad esempio banche e stazioni ferroviarie, si è previsto l’obbligo di adeguamento alla distanza dai luoghi sensibili anche per le attività già in corso, il divieto di pubblicità relativa all’apertura o all’esercizio di sale da gioco e sale scommesse, il divieto di oscurare le vetrine dei locali, incentivi a chi decide di disinstallare gli apparecchi per il gioco e lo stop ai contributi della Regione per gli esercizi che decidono di continuare a guadagnare dalle slot machine».

«Nonostante la lotta alla dipendenza sia improba, anche a causa dell’aumento del gioco on-line, l’applicazione di queste norme potrebbe davvero essere di vitale importanza per aiutare i cittadini entrati nella spirale del gioco. I comuni però stanno facendo davvero troppo poco per il contrasto al gioco d’azzardo – sottolinea il pentastellato – la legge è ancora in larghissima parte inapplicata! Su 215 Comuni, solo 38 hanno predisposto un elenco dei luoghi sensibili presenti sul proprio territorio e solo 13 hanno attuato una limitazione degli orari di apertura delle sale da gioco e del funzionamento delle apparecchiature. È davvero sconsolante constatare che tra questi non ci sia il comune capoluogo, Trieste! Infine, a quasi un anno dall’emanazione della legge, in tutta la Regione, ci sono stati solo 6 verbali di illeciti amministrativi e una sola sanzione. Troppo poco!”.

Commenta su Facebook