“Dopo anni di battaglie, dopo numerosi e ripetuti atti portati avanti da parte del M5S Frascati, è stato finalmente approvato, durante la seduta di Consiglio Comunale di ieri, il Regolamento che sancisce una disciplina per le sale da gioco nel territorio di Frascati (RM)”.

Così in una nota il M5S. “Un atto fondamentale, tramite il quale il Comune detta le distanze inderogabili che sale slot e affini dovranno osservare, nella propria ubicazione, rispetto ai luoghi sensibili: partendo dalle scuole, dalle realtà di aggregazione giovanile e dai luoghi di culto. Il M5S Frascati, in linea coi principi e le battaglie del M5S tutto, è impegnato a contrastare la diffusione della ludopatia ed il proliferare del gioco d’azzardo. Come poco sopra sottolineavamo, numerosi sono stati gli atti presentati nel tempo dalla Portavoce in Consiglio comunale Lucia Santoro, che stimolavano la Giunta a fornire una regolamentazione per garantire una volta per tutte tutela a favore sopratutto delle fasce più giovani o deboli della popolazione. L’approvazione di questo Regolamento è un passo avanti importante, che ci spinge ad impegnarci ancor di più a stimolare la Giunta e fornire il nostro piccolo contributo per debellare la ludopatia”.

Il regolamento precede l’ordinanza sindacale sul taglio degli orari di funzionamento degli apparecchi da gioco con vincita in denaro. Il documento è stato illustrato in Consiglio comunale dal consigliere delegato alle Attività Produttive Mattia Ambrosio, che ha precisato come “il Regolamento affronta il disturbo da gioco d’azzardo o ludopatia come un problema sanitario e sociale e si prefigge l’obiettivo di garantire che la diffusione del gioco nel nostro comune avvenga riducendo gli effetti negativi per la salute pubblica, per il risparmio familiare, per la serenità domestica, con un particolare interesse ai minori. Abbiamo ritenuto importante una seria presa di posizione con questo regolamento comunale – continua Ambrosio -. La salute dei nostri cittadini viene prima di tutto, per questo la nostra guerra al gioco d’azzardo non si ferma e dopo il regolamento toccherà all’ordinanza del sindaco che potrà intervenire sugli orari in cui il gioco è consentito”.