Print Friendly

(Jamma) La vicepresidente della Giunta regionale della Basilicata, Flavia Franconi ha partecipato oggi ad un incontro con Enrico Costa, ministro per gli affari regionali, e il sottosegretario al Ministero dell’Economia e Finanze, Pier Paolo Baretta .

Nel corso dell’incontro la rappresentante del governo regionale ha espresso la necessità di inserire alcune specifiche proposte nell’accordo da sottoscrivere fra lo Stato, le Regioni e i Comuni in sede di Conferenza Unificata per la cura e la prevenzione del Gioco d’Azzardo Patologico (Gap).

“Visto l’impatto che il Gap ha sulla salute e sui sistemi sanitari regionali è indispensabile che il 2% del gettito erariale annuo sia destinato per l’1,5% alla sanità e per lo 0,5% a ricerche specifiche al fine di trovare nuovi ed efficaci approcci terapeutici. Le Regioni provvederebbero al riparto di questo fondo secondo i criteri di accesso al fondo sanitario regionale. Sarà altrettanto indispensabile, ai fini della predisposizione dei temi e dei bandi della ricerca richiedere una intesa in Conferenza Stato-Regioni”. Per Franconi, inoltre, “nei requisiti previsti per la certificazione del punto gioco di categoria A, va inserito l’obbligo di valutazione circa la verifica di problemi connessi alla viabilità, all’inquinamento acustico e luminoso, al disturbo della quiete pubblica, nonché le distanze dai punti sensibili, in particolar modo i Sert, luoghi di cura per le dipendenze patologiche tipo il gioco d’azzardo patologico”.

La vice presidente della Regione Basilicata, infine, ha chiesto un preciso impegno del Governo a disciplinare il gioco d’azzardo online.

 

Commenta su Facebook