ludopatico azzardo gap
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il Popolo della Famiglia plaude alla nuova ordinanza comunale firmata martedì scorso dal sindaco di Forlì per limitare l’orario di apertura delle sale pubbliche da gioco nelle fasce orarie dalle ore 10 alle ore 13 e dalle 15 alle 23.

Tuttavia, viene aggiunto, si tratta di “una piccola goccia nel mare delle ludopatie, che avrà nella pratica ben pochi effetti: infatti non bastano certo poche ore di sospensione dal gioco per ridare ad una persona avvinghiata dalla dipendenza la lucidità necessaria a recuperare la propria libertà, è una mera utopia pensare di poter salvare qualcuno con un simile provvedimento. Però l’ordinanza ha un significato importante, da sottolineare con forza: il gioco d’azzardo fa male, non solo a chi lo pratica, ma anche alla società intera. A voler fare i conti in euro, probabilmente il saldo tra incasso dal gioco d’azzardo e spese sanitarie e costi sociali è negativo. Eppure lo stato non intende intervenire, anzi, continua a incentivare il gioco d’azzardo. Il Popolo della Famiglia propone interventi più incisivi, come sconto di tasse agli esercenti che tolgono le famigerate macchinette dai propri locali e, a livello nazionale, una revisione di tutta la normativa che disciplina la materia, con l’abbassamento drastico delle giocate massime, la riduzione delle licenze, l’imposizione di distanze minime da luoghi sensibili (come scuole, Ausl, centri per anziani o per disabili) e investimenti per il recupero e la cura di chi è già caduto nel gorgo della ludopatia”.

Commenta su Facebook