slot azzardo gioco
Print Friendly, PDF & Email

«Accolgo con felicità la decisione del Tar, sono convinto che evitare sale scommesse vicine ai luoghi di istruzione e di preghiera sia sicuramente un deterrente, ma non del tutto. Per le persone che hanno già problemi di dipendenza dal gioco d’azzardo questa limitazione è di ben poco conto, raggiungeranno le sale slot e le sale scommesse più periferiche.

Ribadisco che se avessimo provato a realizzare il progetto di un Casinò a Ischia, idea che avevamo accarezzato già a partire negli anni ‘80, concentrando tutto il gioco d’azzardo in unico luogo ben vigilato, impedendo ai residenti di poter giocare, oggi avremmo molti meno casi di ludopatia sull’isola. L’iniziativa è lodevole, ma non potrà essere d’aiuto per eliminare un problema che ha rovinato e sta rovinando intere famiglie. Mi aspetterei un intervento ancora più risolutivo dello Stato che però si trova, ancora una volta in maniera paradossale, a dover combattere un fenomeno che da un lato arreca danno ai cittadini, ma dall’altro aiuta le casse dello Stato, come per le sigarette».

E’ quanto dichiarato dal sindaco di Forio, Francesco Del Deo.

Commenta su Facebook