Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Approvato a Ferrara l’ordine del giorno presentato da Claudio Fochi (M5S) sui benefici concreti per gli esercenti che rinunciano alle slot machine.

Nell’ordine del giorno presentato dal consigliere Claudio Fochi si chiedeva anche all’Amministrazione di dare maggiore visibilità al marchio ‘Slot free E-R’.

Nella fattispecie, ciò che propone di attuare il M5S è un criterio di premialità per la concessione di contributi, finanziamenti e facilitazioni nei bandi comunali che consiste in un punteggio aggiuntivo del 5%.

“Riteniamo infatti – spiegava ieri Claudio Fochi – che il marchio ‘Slot free Emilia-Romagna’, non richiesto finora da alcun esercente del nostro territorio (come risulta dalla risposta del Comune a una mia interrogazione), debba essere più di una semplice e decorativa vetrofania. Perciò auspichiamo che le forze politiche di maggioranza e l’attuale Giunta, impegnata in passato a organizzare banchetti nel centro storico della città per sensibilizzare sui rischi della ludopatia, accolgano la nostra richiesta di sostenere in modo tangibile gli esercenti No Slot”.

Commenta su Facebook