Print Friendly, PDF & Email

“Si tratta di un decreto condivisibile nel suo complesso per quanto riguarda i titoli e gli obiettivi che intende perseguire. Mi riferisco ad esempio a una attenzione maggiore al tema dei contratti a tempo determinato, alla questione dell’indennità per i licenziamenti illegittimi o anche per la ludopatia e i giochi d’azzardo. Dov’è il problema? Gli strumenti che vengono messi in campo sono strumenti che solo in parte raggiungono gli obiettivi dichiarati e sono anche strumenti piuttosto farraginosi, sulla cui efficacia io ho molti molti dubbi”.

Lo ha detto Guglielmo Epifani, deputato LeU, e già Segretario generale Cgil e ex-segretario Pd, è attualmente membro della Commissione Lavoro, dove è in discussione il Decreto Dignità di Luigi Di Maio.

Commenta su Facebook