“Con riguardo alle principali imposte del comparto tributario si registra nel 2019 un aumento degli accertamenti delle entrate tributarie ricorrenti: si tratta di 12 miliardi per gli accertamenti (+2,5% rispetto al 2018), di cui 6 miliardi relativi all’IRPEF (+3,1%), 5,2 miliardi relativi all’Iva (+3,4%); ad essi si sommano le maggiori entrate per circa 800 milioni relativi alle imposte sui giochi (+12,8%) e Lotterie“.

E’ quanto si legge nel dossier riguardante il Rendiconto generale dello Stato 2019 del Servizio Studi di Camera e Senato.

“Le entrate correnti hanno registrato una crescita del 2,8%, attestandosi al 46,9 % del Pil. In particolare, le imposte dirette sono risultate in aumento del 3,4%, in virtù della crescita dell’IRPEF, dell’IRES e delle imposte sostitutive. Anche le imposte indirette hanno registrato un aumento (+1,4%), per effetto principalmente della crescita del gettito IVA e dell’imposta sul Lotto e le lotterie“.

“Con riferimento specifico alle entrate tributarie, l’incremento del dato degli accertamenti, come esposto nella tabella che segue, è dovuto principalmente ai maggiori accertamenti relativi alle imposte sul patrimonio e sul reddito di 6,7 miliardi (+2,6%), alle tasse ed imposte sugli affari di 4,7 miliardi (+2,6%) e agli introiti per lotto, lotterie ed altre attività di giuoco di 886 milioni (+4,0%)“.

In merito alla parte del dossier che riguarda l’Assestamento del bilancio dello Stato 2020 si legge: “Al peggioramento del dato assestato del saldo netto concorrono: la diminuzione delle entrate di complessivi 43 miliardi di euro, dovuta per 50,8 miliardi alle variazioni proposte dal disegno di legge di assestamento, compensata dall’aumento di 8,1 miliardi dovuto alle variazioni per atto amministrativo. La riduzione deriva essenzialmente dalla contrazione delle entrate tributarie (per complessivi 41,6 miliardi); negativo anche l’andamento delle entrate extra-tributarie (-2,6 miliardi), spiegati secondo la relazione illustrativa dai minori utili di gestione della Banca d’Italia e dalla riduzione dei proventi dei giochi e di quelli derivanti dall’attività di contrasto agli li illeciti di natura tributaria e non tributaria”.

“Per le entrate extra-tributarie si registra una diminuzione di oltre 11 miliardi, principalmente per effetto della riduzione dei proventi derivanti dall’attività di contrasto agli illeciti di natura sia tributaria che non tributaria, nonché di quelli derivanti dai giochi“.

Fino a tutto maggio nel settore dei giochi, le entrate del gioco del lotto vengono ridotte di 1,4 miliardi, le imposte gravanti sui giochi di 1,3 miliardi e quelle sulle lotterie e altri giochi di 39 milioni“.

“Le entrate extra-tributarie registrano una diminuzione in competenza di 11,8 miliardi principalmente per effetto della riduzione dei proventi derivanti dall’attività derivanti dall’attività di contrasto agli illeciti di natura sia tributaria che non tributaria (1,9 miliardi), nonché di quelli derivanti dai giochi, ed in particolare, di quelle relativi a lotterie istantanee, per -2,9 miliardi (cap. 2351) e al gioco del Bingo per -603 milioni (cap. 2532)“.

Le entrate relative ai “giochi” ammontano, nei primi cinque mesi 2020, a 3.838 milioni di euro (-2.706 milioni di euro, -41,4%)”.

Riduzione dei consumi intermedi di -521 milioni, su cui incide la riduzione degli stanziamenti relativi agli aggi e ai compensi trattenuti dai concessionari e rivenditori dei giochi per complessivi 700 milioni, in relazione all’andamento delle correlate entrate. Tale riduzione è parzialmente compensata dalle aumentate esigenze per gli oneri connessi all’emissione e alla gestione dei prestiti emessi dallo Stato per 150 milioni, e per il ripiano dei debiti pregressi contratti per le spese di giustizia per 35 milioni”.

Le poste correttive e compensative, che aumentano di 284 milioni, per effetto dell’adeguamento degli stanziamenti per restituzioni e rimborsi di imposta per complessivi 3,5 miliardi e della riduzione degli stanziamenti relativi alle vincite su giochi, scommesse e lotterie per complessivi 3,2 miliardi, in relazione alla riduzione del volume dei giochi e all’andamento delle correlate entrate”.

“Si riducono invece gli stanziamenti della missione “Politiche economico-finanziarie e di bilancio”, per oltre 2 miliardi. La riduzione degli stanziamenti relativi agli aggi e alle vincite per giochi, scommesse e lotterie per complessivi 3,9 miliardi e quelli relativi agli interessi su conti di Tesoreria per 1,5 miliardi è parzialmente compensata dall’adeguamento degli stanziamenti per restituzioni e rimborsi di imposta per complessivi 3 miliardi”.

“Tra le variazioni proposte, infatti, rilevano anche in termini di indebitamento netto quelle per l’adeguamento ai più recenti dati del monitoraggio. In particolare, per le entrate tributarie influiscono i minori proventi delle attività di gioco (-110 milioni). Per le entrate extra-tributarie incidono i maggiori dividendi da versare da parte delle società pubbliche per 691 milioni (che si aggiungono ai 32 milioni già inclusi nelle previsioni del DEF) e le maggiori ritenute per le vincite del gioco del lotto (50 milioni) mentre, in senso contrario, si evidenziano il minor gettito delle sanzioni amministrative e per le infrazioni del codice della strada (-220 milioni) e gli effetti di retrocessione degli interessi attivi (-170 milioni) Le entrate da alienazione, ammortamento e riscossione crediti, senza effetti sull’indebitamento netto (in quanto corrispondenti a partite finanziarie), registrano una riduzione per complessivi 25 milioni di euro”.

“Tra le minori spese, senza effetti sull’indebitamento netto in quanto già considerate nei tendenziali di finanza pubblica, rilevano la riduzione degli aggi per i concessionari e delle vincite dei giochi (complessivamente circa 3.935 milioni) e della spesa per gli interessi sui conti correnti di tesoreria (1.500 milioni), parzialmente compensata dall’incremento degli interessi sui buoni postali fruttiferi (300 milioni) e degli interessi sui prestiti internazionali (199 milioni). Al riguardo, si ribadisce che sarebbe utile disporre di ulteriori dati necessari per ricostruire le variazioni dell’indebitamento netto delle PA, al fine di verificarne la coerenza con le variazioni del saldo netto da finanziare”.