Nell’ambito dell’esame in sede referente del ddl di conversione in legge del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, in Commissione Affari Costituzionali del Senato è stato trasformato in ordine del giorno l’emendamento a firma dei senatori di Italia Viva Grimani e Sudano che consente la ripartenza delle attività di gioco in tutta Italia. Nella seduta di martedì il relatore ha espresso parere favorevole all’ordine del giorno in questione. A seguito del parere favorevole espresso dal sottosegretario Castaldi, l’ordine del giorno è stato quindi accolto dal Governo.

Advertisement

L’ordine del giorno impegna il Governo “ad adottare tutte le misure necessarie affinche´ venga concessa, a condizione che vengano forniti dispositivi di protezione individuale a lavoratori e utenti, resi disponibili dispenser disinfettanti e disposta la sanificazione degli ambienti, la ripresa del normale svolgimento delle attivita` economiche a tutte le categorie produttive e commerciali diffuse sul territorio, incluse le strutture che a qualsiasi titolo offrono servizi di insegnamento di danza e ballo, gli esercenti attivita` di formazione, le attivita` degli informatori scientifici del farmaco, le attivita` connesse al giardinaggio e alla manutenzione del verde, le attivita` al dettaglio comprese quelle su aree pubbliche che si svolgano all’aperto, le attivita` di ristorazione e le attivita` di stabilimenti balneari, stabilimenti termali e di centri benessere, centri sportivi e piscine, sale slot, sale giochi, sale bingo e sale scommesse, discoteche e locali di intrattenimento, le attivita` inerenti ai servizi alla persona, le attivita` svolte all’interno di sale cinematografiche, teatri, circhi, teatri tenda, arene, parchi divertimenti permanenti, inclusi giostre, spettacoli viaggianti, luna park, parchi tematici, parchi acquatici, parchi avventura, parchi zoologici, nonche´ le attivita` svolte da guide e accompagnatori turistici, da guide alpine e insegnanti di sport in ambienti montani, le attivita` di accompagnamento, tutoraggio, orientamento e preparazione agli esami finali, le attivita` di servizi di noleggio e di trasporto di persone; ad adottare, allo stesso tempo e alle medesime condizioni, tutte le misure necessarie affinche´ venga concessa la ripresa delle attivita` offerte dalle organizzazioni di servizi per l’infanzia e l’adolescenza, anche allo scopo di socialita` e gioco, nonche´ la ripresa del pieno svolgimento dell’attivita` didattica di tutte le scuole, del pieno svolgimento di sport amatoriali di squadra e di contatto, nonche´ la ripresa delle attivita` portate avanti da associazioni culturali, circoli ricreativi, club, centri di aggregazione sociale, universita` del tempo libero e della terza eta`, lo svolgimento di congressi, grandi eventi fieristici, convention aziendali, sagre e fiere, e le attivita` dei gestori di musei, archivi e biblioteche”.