Non sono previsti sostegni a fondo perduto per le attività di sale giochi nel nuovo Dl Sostegni, ma altri interventi.

E’ in via di definizione il testo del nuovo Dl Sostegni con il quale il Governo intende garantire aiuti alle imprese più danneggiate dalle misure anti-Covid.

In base al testo della BOZZA che Jamma ha potuto visionare in anteprima i datori di sale giochi e scommesse che “a decorrere dalla data del 1° gennaio 2022 fino al 31 marzo 2022, sospendono o riducono l’attività lavorativa ai sensi del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, sono esonerati dal pagamento della contribuzione addizionale di cui agli articoli 5 e 29, comma 8, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148.
2. Agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 80,2 milioni di euro per l’anno 2022, si provvede a valere  sul fondo di cui all’articolo 1, comma 120, della legge 30 dicembre 2021, n. 234.

Questa ammonta al 9% della retribuzione per le richieste di cig fino a 52 settimane; al 4% per chi utilizza il Fondo di integrazione salariale. Sono destinati 80,2 milioni per il 2022.

Nello specifico le attività che potranno accedere alla misura sono:

Sale giochi e biliardi (codici ateco 93.29.3)

Altre attività di intrattenimento e divertimento (sale bingo) (codici ateco 93.29.9)