Nell’ambito dell’esame del Dl Riaperture in Commissione Affari Sociali della Camera sono stati ritirati i seguenti subemendamenti riguardanti i giochi:

All’emendamento 2.100 del Governo, lettera i), capoverso Art. 8-ter, comma 1, sostituire le parole: dal 1° luglio 2021 con le seguenti: dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

** 0.2.100.5. De Menech, Pellicani (PD)

** 0.2.100.109. Bazzaro, Di Muro, Boldi, De Martini, Foscolo, Lazzarini, Panizzut, Paolin, Sutto, Tiramani, Zanella (Lega)

“All’emendamento 2.100 del Governo, lettera i), capoverso Art. 8-ter, apportare le seguenti modificazioni: a) al comma 1: 1) sostituire le parole: dal 1° luglio 2021, con le seguenti: dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto; 2) dopo le parole: consentite le attività di aggiungere le seguenti: gioco pubblico svolte nei negozi e punti di gioco, nelle; 3) aggiungere, in fine, il seguente periodo: è consentito lo svolgimento anche in data anteriore, di attività preparatorie che non prevedano afflusso di pubblico; b) dopo il comma 1, aggiungere il seguente: 1-bis. Le linee guida possono prevedere, con riferimento a particolari eventi, che l’accesso sia riservato soltanto ai soggetti in possesso delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9”.

0.2.100.65. D’Attis, Bagnasco, Novelli (FI) (ritirato dopo essere stato sottoscritto anche da Giuseppina Versace (FI))

E’ stato invece respinto il seguente subemendamento:

All’emendamento 2.100 del Governo, lettera i), capoverso Art. 8-ter, comma 1, sostituire le parole: dal 1° luglio 2021 con le seguenti: dal 1° giugno 2021.

* 0.2.100.34. Gemmato, Bellucci (FdI)

I senatori Lupi, Colucci, Sangregorio, Tondo (Noi con l’Italia), che avevano firmato lo stesso subemendamento Gemmato per la riapertura al 1° giugno, vi hanno invece rinunciato.