Prosegue nelle Commissioni riunite Affari costituzionali e Istruzione pubblica del Senato l’esame del ddl “Conversione in legge del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36, recante ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”. Nell’ultima seduta alcuni esponenti di Fratelli d’Italia hanno presentato un emendamento riguardante anche l’ippica.

9.3

De Carlo, La Pietra, Malan, La Russa, Iannone (FdI)

Dopo il comma 5, aggiungere il seguente: «5-bis. Al fine di incentivare, rafforzare ed incrementare le maggiori attivita` rese nella elaborazione e coordinamento delle linee della politica agricola, agroalimentare, forestale, per la pesca, il settore ippico a livello nazionale, europeo ed internazionale, e per far fronte, altresı`, anche alle funzioni di controllo ed ispezione per la tutela del made in Italy, a decorrere dall’anno 2022, il Fondo risorse decentrate di cui agli articoli 76 del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto funzioni centrali 2016-2018 e 49 del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto funzioni centrali 2019-2021 relativo al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e` incrementato di un importo complessivo pari a 2.000.000 euro annui, in deroga ai limiti e termini finanziari previsti dalla legislazione vigente. E ` , altresı`, incrementato di 80.000 euro, a decorrere dall’anno 2022, il fondo per la retribuzione di posizione e la retribuzione di risultato del personale di livello dirigenziale contrattualizzato. Agli oneri derivanti dall’attuazione della presente disposizione, si provvede mediante corrispondente riduzione del fondo di cui all’ articolo 1, comma 748, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 e, in parte, mediante riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 203, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.».

Articolo precedenteGdf Catania: conti di gioco online e indebita percezione del reddito di cittadinanza, 21 soggetti segnalati all’autorità giudiziaria (VIDEO)
Articolo successivoSapar, Domenico Distante confermato all’unanimità presidente dell’associazione