“Inserire una ulteriore osservazione che inviti il Governo, al fine di garantire l’effettivo divieto di diffusione di contenuti gravemente nocivi per lo sviluppo psicofisico o morale dei minori, di valutare, all’articolo 43, l’opportunita` di uniformare il sistema di classificazione dei servizi media lineari e dei servizi a richiesta, valutando altresı` l’opportunita` di prevedere una esplicita esclusione di messaggi pubblicitari relativi al gioco d’azzardo”.

Lo ha chiesto la senatrice Gabriella Di Girolamo (M5S) in Commissione Lavori pubblici della Camera nell’ambito dell’esame dello “Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva (UE) 2018/1808 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 novembre 2018, recante modifica della direttiva 2010/13/UE, relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti la fornitura di servizi di media audiovisivi, in considerazione dell’evoluzione delle realta` del mercato”.

La proposta della senatrice è stata quindi inserita nel parere approvato dalla Commissione.