Per quanto riguarda il settore dei giochi sono stati tutti ritirati, respinti o accantonati gli emendamenti al Decreto Fiscale in Commissione Finanze della Camera.

Da notare come Alberto Luigi Gusmeroli (Lega), nell’illustrare l’emendamento 20.4 a sua prima firma, ha ricordato che durante l’attività conoscitiva sul provvedimento da più parti è stata avanzata la richiesta di posticipare la data dell’entrata in vigore delle sanzioni nei confronti dell’esercente che, al momento dell’acquisto, rifiuti il codice fiscale del contribuente o non trasmetta all’Agenzia delle entrate i dati della singola cessione o prestazione. Ha segnalato che l’emendamento 20.4 a sua prima firma ha, pertanto, la finalità di posticipare al 1 gennaio 2021 l’applicazione delle sanzioni previste dall’articolo 20, comma 1, venendo incontro alle richieste delle categorie coinvolte. Ha chiesto, quindi, che i relatori ed il rappresentante del Governo potessero considerare l’accantonamento dell’emendamento 20.4 a sua prima firma per svolgere un ulteriore approfondimento, anche pervenendo ad una sua riformulazione.

Gian Mario Fragomeli (Pd), relatore, accogliendo la richiesta dell’onorevole Gusmeroli, ha proposto di accantonare l’emendamento Gusmeroli 20.4.

Sempre Alberto Luigi Gusmeroli (Lega), nell’illustrare l’emendamento Garavaglia 20.7, ha segnalato che la sua finalità è di limitare le sanzioni previste dall’articolo 20 solo agli acquisti di importo superiore a 10 euro, venendo così incontro sia agli esercenti che ai consumatori. Ha auspicato, pertanto, che i relatori e il rappresentante del Governo potessero accantonarlo al fine di svolgere un’ulteriore riflessione su questo tema.

La Commissione ha però respinto l’emendamento Garavaglia 20.7.

Antonio Martino (Fi), nell’illustrare l’emendamento 20.22 a sua prima firma, ha evidenziato che si tratta di un emendamento di carattere tecnico che ha lo scopo di posticipare di sei mesi l’avvio della lotteria degli scontrini. Ha chiesto, pertanto, che i relatori ed il rappresentante del Governo potessero considerarne l’accantonamento.

Gian Mario Fragomeli, relatore, accogliendo la richiesta dell’onorevole Martino, ha proposto di accantonare l’emendamento Martino 20.22.

Accantonati anche gli emendamenti Mura 19.1, Migliorino 20.9, Bitonci 20.8, Garavaglia 20.6, Baratto 20.10, Buratti 20.19, Rizzetto 20.21, Migliorino 20.24, gli identici emendamenti Zennaro 20.25 e Lupi 20.26 e l’emendamento Migliorino 20.23.

Inoltre sono state accantonate tutte le proposte emendative riferite agli articoli da 21 a 32.

Di seguito gli altri emendamenti che hanno ricevuto parere contrario e sono stati ritirati o respinti:

Al comma 1, lettera b), capoverso comma 542, apportare le seguenti modificazioni:

a) al primo periodo, sostituire le parole: 45 milioni di euro con le seguenti: 58,8 milioni di euro e prima delle parole: da attribuire mediante estrazione inserire le seguenti: per l’anno 2020 e 65 milioni di euro annui per gli anni successivi;

b) al terzo periodo sostituire le parole: 50 milioni di euro con le seguenti: 63,8 milioni di euro per l’anno 2020 e di 70 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021.

Conseguentemente:

a) all’articolo 22, comma 2, dopo le parole: consumatori finali aggiungere le seguenti: e titolari di partita IVA;

b) all’articolo 26, comma 1, primo periodo, sostituire le parole: nel 23 per cento con le seguenti: nel 23,5 per cento;

c) all’articolo 41, comma 1, dopo le parole: per l’anno 2019 aggiungere le seguenti: 82,7 milioni per l’anno 2020 e 81,4 milioni per ciascuno degli anni 2021 e 2022.
19. 4. Gavino Manca.

Al comma 1, apportare le seguenti modificazioni:

a) alla lettera b), capoverso comma 542, secondo periodo, dopo le parole: del presente comma, prevedendo aggiungere le seguenti: procedure semplificate di partecipazione alle estrazioni aggiuntive, da effettuarsi con frequenza almeno mensile, nonché;

b) dopo la lettera b), aggiungere la seguente: b-bis) al comma 544, dopo le parole: «d’intesa con l’Agenzia delle entrate» sono aggiunte le seguenti: «da emanarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.»
19. 2. Mura.

Al comma 1, lettera b), terzo periodo, dopo le parole: gestione della lotteria, inserire le seguenti: nonché al fine di compartecipare delle maggiori spese sostenute dagli esercenti in fase di iniziale attuazione delle presenti disposizioni.
19. 3. Bitonci, Cavandoli, Centemero, Covolo, Gerardi, Gusmeroli, Alessandro Pagano, Paternoster, Tarantino.

ART. 20.

Sopprimerlo.
20. 1. Lupi, Colucci, Tondo, Sangregorio.

Sostituire il comma 1 con il seguente:

1. L’esercente che al momento dell’acquisto rifiuti espressamente il codice fiscale del contribuente o non trasmetta volontariamente all’Agenzia delle entrate i dati della singola cessione o prestazione secondo quanto previsto dall’articolo 1, comma 540, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, è punito con una sanzione amministrativa da euro 50 a euro 200. Non si applica l’articolo 12 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.
20. 3. Lucaselli, Osnato, Bignami, Zucconi.

Al comma 1 premettere le seguenti parole: A decorrere dal 1° gennaio 2021.

Conseguentemente sopprimere il comma 2.
20. 2. Caretta, Ciaburro, Osnato, Bignami.

Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:

1-bis. Le disposizioni di cui al comma 1 hanno efficacia a decorrere dal 1° luglio 2020.
20. 14. Lupi, Colucci, Tondo, Sangregorio.

Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:

1-bis. All’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, dopo il primo periodo aggiungere il seguente: «La disposizione non si applica alle prestazioni di trasporto rese a mezzo di servizio di noleggio con conducente».
* 20. 12. Pedrazzini, Benigni, Sorte, Gagliardi, Silli.

Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:

1-bis. All’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, dopo il primo periodo aggiungere il seguente: «La disposizione non si applica alle prestazioni di trasporto rese a mezzo di servizio di noleggio con conducente».
* 20. 13. Benigni, Sorte, Gagliardi, Pedrazzini, Silli.

Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:

1-bis. All’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n. 696, alla lettera l) dopo le parole: «Le prestazioni di trasporto rese a mezzo di servizio taxi» sono aggiunte le seguenti: «e di noleggio con conducente».
** 20. 15. Benigni, Sorte, Gagliardi, Pedrazzini, Silli.

Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:

1-bis. All’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n. 696, alla lettera l) dopo le parole: «Le prestazioni di trasporto rese a mezzo di servizio taxi» sono aggiunte le seguenti: «e di noleggio con conducente».
** 20. 16. Pedrazzini, Benigni, Sorte, Gagliardi, Silli.

Sostituire il comma 2 con il seguente:

2. La sanzione di cui al comma 1 non si applica nel primo semestre di applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 540, ultimo periodo, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.
20. 17. Bitonci, Cavandoli, Centemero, Covolo, Gerardi, Gusmeroli, Alessandro Pagano, Paternoster, Tarantino.