La lotteria degli scontrini, una delle norme volute dal governo per combattere l’evasione fiscale, slitta di sei mesi. Lo slittamento – si legge sul Messaggero – sarà previsto da uno degli emendamenti che il Governo presenterà al Decreto Fiscale.

Advertisement

Il capitolo sui giochi sarà riscritto. La micro tassa dell’l,8% sulle vincite fino a 500 euro alle videolotteries sarà cancellata. Il prelievo del 15%, per adesso previsto sulle vincite oltre i 500 euro, sarà abbassato a 200 euro. Anche il Preu sarà rivisto: quello sulle vecchie slot, le cosiddette Awp, salirà al 23,5%, ma i concessionari potranno scaricare il balzello direttamente sui giocatori abbassando dal 68% fino al 65% il payout, ossia la vincita che in media ritorna nelle tasche degli scommettitori. Un ripensamento in corso c’è anche sulle sanzioni penali per chi evade o elude le tasse. Nel Decreto Fiscale le pene sono state portate fino a 8 anni e le soglie di punibilità abbassate. Gli emendamenti in questione non sono però tra quelli presentati nella serata di ieri dal Governo. Entro il pomeriggio di oggi sono previsti i subemendamenti.