“Questo ulteriore aumento del Preu può rischiare di portare ad una risoluzione delle concessioni da parte dei concessionari?”.

Lo ha chiesto il deputato Alberto Gusmeroli (Lega) intervenendo in audizione in Commissione Finanze della Camera, nell’ambito dell’esame del disegno di legge di conversione in legge del decreto recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili.

A seguire il deputato Gennaro Migliore (Pd) ha chiesto: “Volevo sapere per quanto riguarda l’articolo 20 sulla lotteria degli scontrini, cosa prevede nei primi 6 mesi per le sanzioni riferite agli esercenti? Potrebbe essere rivisto il sistema sanzionatorio relativamente alle cifre? Per quanto riguarda il gioco d’azzardo, coloro che hanno chiesto le concessioni sapevano benissimo che fa parte proprio del gioco d’azzardo l’idea di avere dei soldi parte dei quali devono ritornare a coloro che giocano. Quindi non credo sia giusto pensare che tutti i soldi che girano per coloro che gestiscono le slot debbano essere considerati come guadagno e che poi vengono ridati allo Stato e quindi è come se pagassero l’80% di tasse. Magari tanti soldi che non vengono investiti nei giochi d’azzardo possono essere utilizzati in una spesa corrente dove il guadagno sarebbe già più alto solo con l’ingresso iva”.