I deputati Pier Luigi Bersani e Stefano Fassina per Liberi e Uguali e il deputato Luca Carabetta (nella foto) per il M5S hanno presentato due distinti emendamenti al Dl Concorrenza con i quali si intende ampliare i poteri dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in materia di inibizione di siti web che offrono merci o servizi irregolari. Nello specifico si propone una modifica all’art. 102 della Legge 13 ottobre 2020 n. 126. Laddove si specifica le competenze dei Monopoli su tabacchi e giochi si parla di prevenzione e contrasto alle attività illecite inerenti alle materie di competenza.

L’emendamento a firma Carabetta parla di Tutela della concorrenza e potenziamento dei controlli online tramite la prevenzione e il contrasto delle pratiche commerciali illecite in materia di commercio elettronico. Al fine di prevenire l’ingresso sul territorio della Repubblica italiana di materiale non conforme agli standard di sicurezza sanitaria che possono arrecare danni alla salute delle persone o rappresentare violazione alle norme delle leggi doganali, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli è autorizzata ad acquistare, su canale telematico, prodotti in commercio da sottoporre a verifica tecnica presso i propri laboratori. Per le operazioni di cui al primo periodo l’Agenzia è autorizzata a costituire, avvalendosi di risorse proprie, un fondo di importo non superiore a 100.000 euro annui, destinato alle operazioni di acquisto.

Nei casi in cui nello stesso sito, oltre ai prodotti o contenuti, siano presenti altri prodotti o contenuti diversi, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli dà formale comunicazione della violazione riscontrata ai soggetti interessati, mediante pubblicazione sul sito istituzionale con valore di notifica ai fini della sanzione amministrativa, assegnando un termine di 15 giorni per la rimozione dei prodotti o contenuti non consentiti. Decorso inutilmente il termine assegnato è adottato il provvedimento finalizzato alla inibizione dell’intero sito senza riconoscimento di alcun indennizzo.

Articolo precedenteUK, la retribuzione dei lavoratori di giochi e scommesse è il 21% più bassa della media nazionale
Articolo successivoLa Camera vota la fiducia a dl PNRR 2: sì a proroga concessioni scommesse e norma salva-calciobalilla