Via libera del Senato, in terza lettura al decreto legge Aiuti bis. Il provvedimento è stato approvato 178 voti favorevoli, nessun voto contrario e 13 astenuti.

Il governo aveva varato il provvedimento il 9 agosto scorso. Il testo finale contiene misure del valore di circa 17 miliardi di euro per contrastare i rincari nei settori dell’energia, del gas naturale e dei carburanti, rafforzando il bonus sociale elettrico e gas per il quarto trimestre 2022. Si sospendono, tra l’altro, le modifiche unilaterali dei contratti di fornitura di elettricità e gas.

Tra le nuove misure, arriva l’azzeramento degli oneri generali di sistema del settore elettrico anche per il quarto trimestre 2022. Il provvedimento riduce inoltre l’IVA per le somministrazioni di gas metano per combustione per usi civili e industriali nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022. Il Dl Aiuti Bis proroga inoltre i crediti d’imposta in favore delle imprese anche per il terzo trimestre 2022. Prolungato anche il periodo di riduzione dell’accisa sui carburanti: il nuovo termine è il 20 settembre 2022.

La conversione in legge ha richiesto un terzo passaggio, dopo che che l’abrogazione da parte della Camera dell’articolo 41 bis, inserito in prima lettura al Senato, che introduceva una deroga al tetto agli stipendi di alcuni vertici delle Forze armate e della della PA.

Articolo precedenteSisalTipster, Temperelli (Betting Managing Director): “Piattaforma rivolta agli appassionati, non è un’iniziativa legata alle scommesse”
Articolo successivoSBC Summit Barcelona, Microgame protagonista del dibattito con il CEO Marco Castaldo