slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il Direttivo dell’Istituto economico Milton Friedman Institute ha deciso di intervenire ancora, questa volta mediante un appello, nel dibattito in corso sul gioco pubblico, al fine di dare un ulteriore contributo alla pacificazione politica ed economica delle diverse anime, chiamate a determinare il futuro di uno dei più importante settori economici del nostro Paese.

“Ci appelliamo a tutte le forze politiche, al Governo, agli Enti locali e agli operatori del mondo del gioco. La riforma in corso in Italia in materia di gioco pubblico rappresenta una delle riforme economiche più necessarie oggi nel nostro Paese. Riguarda un intero comparto economico, con imprese e lavoratori, ma sopratutto direttamente lo Stato e le sue finanze.
Alla luce dei recenti mutamenti degli scenari politici e della probabilità di elezioni anticipate, è fondamentale che la riforma in corso, quantomai necessaria, venga portata a compimento, uniformando le regole sull’intero territorio nazionale e dando stabilità. Andare ad elezioni senza aver completato la riforma già avviata dal Sottosegretario Baretta significherebbe che dell’intero impianto permarrebbero solo i tagli al numero delle slot presenti in Italia, ma senza la prevista chiarificazione del quadro normativo.

In tal caso, oltre a venire a mancare la tutela delle persone affette da GAP, anche le casse pubbliche dello Stato ne risentirebbero, andando inevitabilmente incontro ad una considerevole perdita di gettito che l’Italia non si può permettere.

Siamo certi che tutte le forze liberali, liberiste e riformiste del nostro Paese s’impegneranno affinché la riforma già avviata possa essere completata al meglio evitando così più gravi conseguenze. Ribadiamo la positività di massima della nostra valutazione nel merito dell’impianto di Riforma rispetto all’ultima bozza presentata dal Sottosegretario. A tutte le forze costruttive impegnate in questo campo vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro”. Così il direttivo dell’Istituto Friedman, riunitosi a Roma presso l’Hotel Nazionale.

Commenta su Facebook