“Con il decreto dignità avevamo stabilito che entro il 10 agosto sarebbe stata vietata la pubblicità sui giochi. L’Agcom che è un’autorità indipendente ha emanato delle linee guida che permettono ai concessionari di gioco d’azzardo di fare nuova pubblicità stipulando nuovi contratti. Questo mi fa incazzare”.

E’ quanto dice il vicepremier Di Maio via FB. “Le persone che hanno diramato le linee guida del decreto dignità sono in scadenza di mandato, ma dovrebbero comunque dimettersi. Li rimuoveremo dal loro incarico, ma questo potrebbe non bastare per bloccare le linee guida. Per questo stiamo valutanto un ricorso al Tar e se fare un decreto legge per andare contro le linee guida. Il governo e il parlamento hanno fatto una legge e l’Agcom l’ha stravolta”.