Print Friendly, PDF & Email

«Questa per me e per noi non è una manovra qualsiasi, è la manovra del popolo e un nuovo contratto sociale che lo stato stipula con i cittadini», ha detto Luigi  Di Maio prendendo la parola innconferenza stampa a chiusura del Consiglio dei Ministri. Quindi ha elencato le misure della legge di bilancio: «C’è il taglio alle pensioni d’oro, il taglio agli sprechi, aumenterà la tassazione sul gioco d’azzardo che è una piaga sociale da combattere. E poi la quota 100 che supera la legge Fornero, il reddito e la pensione di cittadinanza che partiranno nei primi tre mesi del 2019. Ci sarà opzione donna». E ancora: «La cassa integrazione in deroga verrà rinnovata per un altro anno nel decreto legge semplificazioni», ha aggiunto, sottolineando anche la presenza di una serie di «agevolazioni per la sburocratizzazione pesante per le imprese, dal registro del burro allo zucchero che alcune imprese devono ancora compilare fino al deposito dei contratti collettivi».

«Questa legge di bilancio dimostra che le cose si possono veramente fare. Non bisogna aver paura se non della paura. Noi terremo i conti in regola. Andiamo avanti tutti quanti insieme. Avevamo promesso di realizzare il programma elettorale e ci stiamo riuscendo in poco più di 100 giorni di governo», ha poi detto Di Maio.

Commenta su Facebook