“Nel DEF le stime relative al bilancio dello Stato evidenziano contrazioni notevoli in tutte le principali componenti: del 9,6 per cento per l’imposta sul valore aggiunto, del 5,8 per quella sugli olii minerali, dell’11,5 per cento per le imposte di registro e bollo, del 7 per cento per l’imposizione relativa al lotto e lotterie, tassazione non direttamente legata al reddito che risentirà della chiusura delle attività relative ai giochi. In diminuzione sarà anche la componente privata dell’IRAP. Una maggiore tenuta dovrebbero invece mostrare quelle imposte, come l’IMU e la Tasi meno influenzate dal ciclo negativo”.

E’ quanto si legge nell’audizione informale del Presidente dell’Ufficio parlamentare di bilancio nell’ambito dell’attività conoscitiva preliminare all’esame del Documento di economia e finanza 2020.