La Commissione Bilancio del Senato ha espresso parere «non ostativo con osservazioni» al Decreto Fiscale, mentre il parere sugli emendamenti, che consente di avviare il voto delle proposte di modifica, non verrà espresso prima di lunedì 19 novembre.

Il provvedimento rappresenta una componente della strategia di rilancio economico del Paese elaborata dalla maggioranza di Governo con l’obiettivo di dare avvio ad un processo graduale di riduzione della pressione fiscale e semplificazione del sistema impositivo, anche al fine di ricostituire un rapporto di fiducia tra fisco e contribuente.

Il prossimo step è in Commissione Finanze, dove la prossima settimana saranno votati i 578 emendamenti. L’articolo 18 dispone il rinvio al 1° gennaio 2020 del termine di decorrenza della lotteria nazionale dei corrispettivi. Sei emendamenti prevedono in alcuni casi l’aumento del Preu su slot e vlt con l’obiettivo di finanziare gli interventi del decreto, la proposta di una lotteria filantropica per finanziare progetti sociali e alcune iniziative per il rilancio del casinò di Campione.

Commenta su Facebook