E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Fiscale approvato dal Consiglio dei Ministri. Tra le varie misure, si legge nel testo, “in attuazione del punto 1 dell’Accordo tra il Ministro dell’economia e delle finanze, la Regione Trentino Alto Adige e le Province autonome di Trento e Bolzano in materia di finanza pubblica, la somma spettante, a titolo definitivo, a ciascuna Provincia autonoma con riferimento alle entrate erariali derivanti dalla raccolta dei giochi con vincita in denaro di natura non tributaria per gli anni antecedenti all’anno 2022 è pari a 50 milioni di euro da erogare nell’anno 2021”.

Inoltre, con riferimento all’articolo 5 – Disposizioni urgenti in materia fiscale, per quanto riguarda la lotteria degli scontrini si legge: “1. Le risorse del fondo istituito ai sensi dell’articolo 18, comma 2, del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n. 136, pari complessivamente a 56.000.000 di euro a decorrere dal 2021, sono destinate: a) per un ammontare complessivo annuo non superiore a 44.326.170 euro per l’anno 2021, a 44.790.000 euro per l’anno 2022 ed a 44.970.000 euro a decorrere dall’anno 2023, all’attribuzione dei premi di cui all’articolo 1, comma 542, della legge 11 dicembre 2016, n. 232; b) per un ammontare pari a 11.673.830 euro per l’anno 2021, 11.210.000 euro per l’anno 2022 e a 11.030.000 euro a decorrere dall’anno 2023 per le spese amministrative e di comunicazione da attribuire alle amministrazioni che sostengono i relativi costi.

2. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio, anche in conto residui, provvedendo a rimodulare le predette risorse.

3. L’articolo 141, comma 1-ter, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, e’ cosi’ sostituito: «Per l’esercizio 2020, le spese di cui al comma 1-bis sono gestite, d’intesa con il dipartimento delle finanze, dal Dipartimento Dell’amministrazione generale, del personale e dei servizi del Ministero dell’economia e delle finanze.»

4. A decorrere dal 1° gennaio 2021, all’articolo 18, comma 2, del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n. 136, le parole: «le spese amministrative» sono sostituite dalle seguenti: «l’attribuzione dei premi e le spese amministrative e di comunicazione»”.