Jamma ha potuto visionare in anteprima la bozza dello Schema di decreto-legge recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili riferito al 2020.

Per quanto riguarda le disposizioni in materia di giochi prevista la proroga onerosa per l’indizione della gara concernente la concessione per il bingo. [Verifica ADM/RGS per effetti su indebitamento]

1. All’articolo 1, comma 636, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, le parole «anni dal 2013 al 2019» sono sostituite dalle parole «anni dal 2013 al 2020» e le parole «entro il 30 settembre 2018» sono sostituite dalle parole: «entro il 30 settembre 2020».

Relazione tecnico – illustrativa
La norma si rende opportuna a seguito della sospensione, da parte del Consiglio di Stato, del Parere obbligatorio da rendere sugli atti di gara. Tale contesto rende tecnicamente impossibile che la nuova Gara venga conclusa nel corso del corrente anno, attesi i tempi tecnici necessari al relativo svolgimento. Conseguentemente è necessario prevedere un nuovo termine per l’indizione della gara; con l’effetto di prorogare le convenzioni di concessioni attualmente in essere ed estendere anche alle concessioni che scadono nel corso dell’anno 2020 la possibilità di partecipare alla gara. La proroga è prevista a titolo oneroso per i concessionari. È possibile stimare dalla proroga un’entrata su base annua nell’ordine di 17 milioni di euro, considerando che attualmente sono operative n. 195 sale ad invarianza di costo per singola sala a titolo di una tantum, già previsto lo scorso anno, come da seguente quantificazione:
195 x 90.000 = 17 Ml€
2020: 17 Ml€

Commenta su Facebook